Un natale in giallo: Christie, Doyle e Queen

Agatha Christie, Arthur Conan Doyle ed Ellery Queen (in realtà pseudonimo assunto da Frederick Dannay e Manfred Bennington Lee), si possono annoverare tra i giallisti più noti per gli amanti del genere. Dalla loro immaginazione nascono l’arzilla e furba Miss Marple, l’arguto e sempre elegante Hercule Poirot, il raffinato e scaltro Sherlock Holmes e il geniale Ellery Queen (che ha dato il nome ai suoi inventori). Li abbiamo visti alle prese con omicidi di ogni genere, dalle signorili ville di campagna, alle frenetiche città finanche alle assolate località orientali.

E che dire quando un omicidio sconvolge la magia delle festività natalizie?

Ecco alcuni imperdibili consigli di lettura per gli amanti dei gialli in ogni periodo dell’anno, per donare un pizzico di brivido alle festività.

Il natale di Poirot

Gorston Hall, Longdale, campagna inglese. Anni trenta. Natale. Le famiglie accantonano i contrasti e si riuniscono per festeggiare, a volte solo con lo scopo di mascherare odi e rivalità feroci. E infatti la riunione familiare voluta dal vecchio e tirannico Simeon Lee, che ha chiamato attorno a sé figli e nipoti, si trasforma in dramma. Il vecchio patriarca viene misteriosamente ucciso in una stanza chiusa dall’interno. L’assassino è un membro della famiglia? Tutti sono sospettabili, tutti hanno un motivo per volere la sua morte.

Il caso del dolce di natale

«Questo libro è come un pranzo di Natale preparato da un vero chef. E lo chef sono io!» Così Agatha Christie presenta la sua raccolta in sei gustosissime portate: dall’antipasto al dessert, cinque indagini dell’inossidabile Poirot, alle prese con rubini scomparsi, omicidi simulati o reali, inquietanti sogni premonitori, un cadavere ritrovato in una cassapanca, una coppia di sposi particolarmente litigiosa, un anziano signore dalle abitudini alimentari troppo prevedibili. E in più, come il cioccolatino dopo il caffè, un racconto con protagonista Miss Marple”.

Nel cuore dell’inverno

Le giornate sono sempre più corte, l’aria frizzante: il clima ideale per mettersi comodi in poltrona davanti al camino con un buon libro in mano. E cosa c’è di meglio di una raccolta di racconti natalizi della regina del crimine? Da L’avventura di Natale a È arrivato il signor Quin, da La Casa Rossa Una tragedia natalizia, fino a L’ardimento di Edward Robinson e Il caso della baia di Pollensa, le dodici storie qui riunite mettono in luce le doti investigative dei personaggi creati da Agatha Christie: Parker Pyne, Harley Quin, Tommy & Tuppence, oltre ovviamente agli immancabili e indimenticabili Poirot e Miss Marple. Ma soprattutto svelano il volto più inquietante della stagione delle Feste, tra doni pericolosi, pranzi avvelenati e ospiti misteriosi.

Sherlock Holmes e il mistero dell’oca di natale

Una donna scomparsa misteriosamente durante una vacanza in Svizzera; un proprietario terriero assassinato nei boschi della sua tenuta; un’oca da farcire per il pranzo di Natale che nasconde una preziosa pietra rubata a una contessa… Sembrerebbero casi irrisolvibili, ma non per lui: Sherlock Holmes. Un investigatore privato con un metodo infallibile e un collaboratore d’eccezione, il Dottor Watson.

La bambola del delfino

La bambola del titolo è un rarissimo oggetto d’arte, regalo di compleanno di re Luigi XVI di Francia al figlio, esposta con un diamante la vigilia di Natale in un grande magazzino e oggetto di un tentato furto. Neanche a dirlo, Ellery Queen, il sofisticato investigatore è incaricato di sventare il furto annunciato, ma questa volta si trova in difficoltà e il caso si ammanta di mistero.